Nuovo interessante appuntamento domani alla Biblioteca di Novara per bambini e genitori.

I lettori volontari, infatti, regaleranno ai piccoli simpatiche e divertenti letture animate sul tema “Il bosco racconta”, relativo all’autunno.

L’appuntamento è in corso Cavallotti n. 6 ed è completamente gratuito.

Vi aspettiamo numerosi per trascorrere una mattinata creativa tra fantasia e allegria!

 

 

 

biblioteca novara

 

Un sabato davvero divertente quello trascorso da alcune insegnanti di scuola dell’infanzia, primaria, educatrici del nido e lettori volontari presso la Biblioteca di Novara.

Tra fantasia, allegria e voglia di imparare tutte le docenti si sono messe alla prova durante il corso sul riciclo organizzato dalla Biblioteca civica e dall’Assa per la settimana dei rifiuti.

Prendendo come ispirazione il libro “Così per gioco…”  della scrittrice Elve Fortis de Hieronimis”, Gemma Turnone (membro del Cdo – Centro Diffusione Origami http://www.origami-cdo.it/ ) ha guidato le presenti nella costruzione di originalissime girandole, aquiloni, scatoline, foglie, ecc…

Il tutto utilizzando la tecnica degli origami e materiale rigorosamente di riciclo.

All’appuntamento erano presenti le insegnanti di molte scuole, tra le quali: le scuole dell’infanzia novaresi Elve, Filo Verde, San Rocco Mairate, dell’Ospedale, di Sillavengo; la scuola dell’infanzia e la scuola Primaria di Fara.

Il prossimo sabato, 25 novembre, sarà la volta degli origami natalizi.

Le insegnanti della scuola dell’infanzia di Sillavengo e della scuola dell’infanzia e primaria di Fara

le insegnanti della scuola dell’infanzia Mairati di San Rocco a Novara

camaleonti

I CAMALEONTI si propongono a SANREMO 2018, con un brano, secondo il loro parere bellissimo, per festeggiare i 50 anni di carriera, le nozze d’oro con la musica italiana.

La band, composta degli storici leader Tonino Cripezzi e Livio Macchia, dichiara:

quale migliore occasione se non quella dell’Ariston per festeggiare pubblicamente i nostri 50 anni di carriera? L’ultima volta che abbiamo incontrato Claudio Baglioni è stato sul palco di O’SCIA’ a Lampedusa, dove abbiamo duettato insieme sul nostro brano “ Io per lei”: Ci proponiamo a Sanremo 2018 con una canzone meravigliosa, alla quale ha collaborato, il produttore Luca Venturi e Fabio Falcone voce leader della band “ La Differenza”.

camaleonti

Noi ci crediamo molto.” I camaleonti sono un gruppo storico della musica italiana, esistono dal 1964 e sono ancora operativi discograficamente e nei concerti.

tony riggi

In radio ed in vendita negli store digitali, il nuovo singolo di Tony Riggi intitolato “Io sono un poliziotto”. Il brano, tratto dal suo primo album “Per vivere faccio il poliziotto”, parla della vita dell’artista e del sacrificio che lui in prima persona ha dovuto fare per poter dire la sua in questi ambienti istituzionali legati ancora alla tradizione.

Ancor di più oggi grazie ai social Tony può far passare il suo messaggio in libertà comunicando in primis ai colleghi poliziotti e poi a tutto il pubblico che si può fare il poliziotto ed esprimere anche la propria creatività e l’animo artistico senza intaccare la propria professionalità.

Il cantautore pontino vuole abbattere con la musica la diffidenza di tutti quelli che pensano che questo mestiere possa precludere interessi artistici e dimostra anche che attraverso la musica si possono trasmettere gli ideali per i quali combatte ogni giorno con la sua divisa, facendosi promotore di messaggi positivi grazie ai suoi concerti.

Anche la sua presenza nelle scuole è importante e attraverso la sua musica crea un ponte di comunicazione con i ragazzi coinvolgendoli con le canzoni e il divertimento, Tony dimostra che è possibile “educare” anche con le canzoni che parlano di valori,

di educazione civica e della vita di tutti i giorni e i giovani rispondono a questo richiamo “istituzionale” abbattendo quelle barriere che ci sono sempre state con gli operatori di Polizia.

 Tony Riggi esprime cantando cosa veramente esiste e cosa veramente pensa, perché oggi è l’unica linea da seguire verso la verità. Usa i social che hanno letteralmente travolto le nuove generazioni per comunicare sani valori attraverso la “licenza poetica” del cantautore e come un pioniere, con tutti i pro e i contro, abbraccia questa missione che sta portando avanti con impegno ed interesse. Comunicare con i giovani è possibile mostrando la propria faccia e Tony Riggi è quello forse il poliziotto che per primo non si nasconde e ci mette “la faccia”, bandendo ogni forma di ipocrisia e aprendosi così come ogni operatore di Polizia dovrebbe fare.

bob rattazzi

Con la cavalla francese “GENOVEFF “

Sempre più allegri e frizzanti gli impegni del nostro super volontario Bob Rattazzi.

Diviso tra hospice e mondo-libri, Bob non si concede nessuna pausa per portare in giro le sue magiche letture e regalare sorrisi ai degenti ricoverati in ospedale.

Tra travestimenti simpatici e colleghi che condividono con lui volontariato e amore per il prossimo, ci sorprende ogni volta con sorprese originali, ma soprattutto contagiosamente gioiose.

Arrivederci alla prossima avventura Bob Rattazzi!

bob rattazzi

In hospice un nuovo chirurgo, con Dott sa Pimpi

bob rattazzi

bob rattazzi

bob rattazzi

beppe convertini

Un’altra importante e significativa mostra fotografica per l’attore e artista Beppe Convertini,  che ha voluto testimoniare ancora una volta il suo impegno nell’ultima missione umanitaria per Terre Des Hommes.
La sua esperienza è stata vissuta quest’estate nel centro profughi Siriano a Zarqa al confine Giordano Siriano; un periodo vissuto tra tanti obiettivi da raggiungere e temi da affrontate:  l’educazione, l’istruzione, l’assistenza sanitaria e le attività ludiche.
La mostra fotografica ‘Si RIAccendono i colori della PACE’ è stata allestita al Palazzo Ducale di Martina Franca , verrà inaugurata domani, lunedì  20 novembre alle 1830, e rimarrà aperta fino al 3 dicembre.
Uno dei temi più cari a Beppe Convertini è quello delle spose bambine, purtroppo sempre più attuale e diffuso in queste zone; molte bambini sono costrette a diventare spose e poi mamme, in età precoce, subendo cosi gravi disturbi psico fisici spesso irreparabili.
Siete tutti invitati a questa mostra, per poter apprezzare l’impegno umanitario che permette ogni giorno di salvare l’infanzia di molti piccoli sfortunati.

beppe convertini

beppe convertini

beppe convertini

beppe convertini

 

beppe convertini

 

Grande successo per l’album omonimo del cantautore Luca Capizzi. 

Per la prima volta Luca si è esibito dal vivo con una band, per un concerto tutto suo, presentando così le canzoni del suo nuovo disco, uscito lo scorso  27 Ottobre, ed i brani della musica italiana più significativi per l’artista.

Tra le canzoni “Amami” di Emma, “Più bella cosa” di Eros Ramazzotti, “Gocce di memoria” di Giorgia, “La solitudine” di Laura Pausini, “Volare” di Domenico Modugno e tante altre.

Il numeroso pubblico lo ha sostenuto nel suo spettacolo, che è stato curato nei minimi particolari sia nell’aspetto strettamente musicale che scenograficamente.

capizzi

Anche se l’emozione di stare su un palco era evidente, Luca Capizzi si è esibito con una grande padronanza di scena ed ha saputo far apprezzare la sua musica, a chi la conosceva in primis, ma anche a chi ancora non aveva ascoltato il suo album. 

I musicisti impegnati con lui in questo progetto sono stati: Francesco Provenzano alla batteria, Ramon Vaca al basso, Luciano Natale alla chitarra, e alle tastiere il maestro Giuseppe Giglia. 

L’album contiene 8 tracce, tra cui l’ultimo singolo “Vicino A Te” che al momento si trova alla posizione numero 5 nella classifica italiana degli artisti emergenti.

In questo primo album l’artista decide di raccontarsi in modo trasparente attraverso 8 storie diverse.

L’album è stato registrato tra Basilea, Parma e Roma. Per questo disco Luca ha voluto avere al suo fianco il meglio per questa produzione, ovvero a Luca Lanza, Domenico Vigliotti, Marco Canigiula, Francesco Sponta, Marco Di Martino, Ekrem, Jay Shure e Tim Seek.

Grande soddisfazione per tutto lo Staff GRAGE Artist Direct Management il Management di Luca Capizzi, per la sua Manager Gina Azzato, che come ha spiegato Luca sul palco, ha creduto nel progetto e nel talento del cantautore.

Il nuovo album è già disponibile in tutte le piattaforme digitali, cd e vinile:http://smarturl.it/LucaCapizzi 

lingua lis

Un’esperienza davvero significativa quella iniziata la settimana scorsa dai bimbi della scuola dell’infanzia Elve di Novara, che hanno “aperto le porte” al mondo della lingua Lis.

L’insegnante Stefania Natalicchio ha incontrato i bambini di 5 anni del plesso di via Fara, che sono subito rimasti affascinati da questa nuova forma di comunicazione.

La Natalicchio ha spiegato ai piccoli che la nostra voce ha un volume che possiamo gestire con la nostra volontà e poi, usando la fantasia, ha immaginato di chiudere tutte le voci dentro una simpatica scatolina di latta.

Da qui è iniziato il viaggio verso il linguaggio del silenzio, utilizzando vari e originali segni che i bambini hanno memorizzato facilmente.

L’insegnante ha fatto notare come, con i segni delle nostre mani, possiamo disegnare le parole nell’aria ed è possibile “far vedere” le parole; tutto questo grazie agli occhi, alle mani e alla nostra attenzione.

Gli alunni continueranno questo percorso che terminerà con l’esibizione di una canzone “cantata” in lingua Lis durante la festa di Natale della scuola dell’infanzia Elve.

lingua lis

lingua lis

lingua lis

lingua lis

 

bob rattazzi

Complimenti al nostro Bob Rattazzi che, oltre a essere impegnato da tempo nel volontariato come lettore volontario in biblioteca e nelle scuole e clown di corsia, è stato nominato da poco vicepresidente della Polisportiva San Giacomo di Novara.

La società ha dato il benvenuto al nuovo simpatico membro, che da anni è impegnato anche come allenatore di Baskin nelle scuole novaresi, la disciplina che unisce basket e integrazione.

Buona fortuna Bob e tanti auguri per questa nuova esperienza!

Ecco qualche informazione sulla società sportiva: http://sangiacomonovara.com/

 

libreria Paoline

Un’esperienza davvero significativa e divertente quella che hanno vissuto lunedì 13 novembre gli alunni della scuola dell’Infanzia Elve di Novara.

I bambini di 5 anni, infatti, si sono recati con le loro insegnanti alla Libreria Paoline di Novara dove li attendeva l’incaricata del Comune della biblioteca civica novarese, Raffaella Andreozzi.

Animata da una grande passione per la lettura e per i bambini, Raffaella ha presentato ai piccoli una serie di letture animate che si avvicinavano al tema della giornata, la gentilezza.

paoline

In particolare, i bambini hanno ascoltato con curiosità i racconti: Sulla collina, Il gigante più elegante, Reginald e Tina: Devo offrire il mio gelato?, L’albero, Una tigre all’ora del tè, Federico…

Questo appuntamento ha valorizzato le risorse che il territorio novarese (biblioteca e librerie) può offrire ai piccoli della città, per poterli avvicinare il più possibile all’amore per la lettura e la cultura.

Le suore della libreria Paoline hanno organizzato insieme al Comune questo incontro per poter permettere anche ai bambini che non hanno la possibilità di acquistare molti libri, di poterne conoscere nuovi e soprattutto di poter ricevere stimoli importanti e preziosi.

paoline

Al rientro a scuola, i bambini insieme alle loro insegnanti hanno rappresentato l’esperienza vissuta: ecco i loro capolavori:

bambini

bambini

bambini

bambinibambinibambini

E dopo i disegni, ecco alcuni pensieri dei bambini emersi durante la conversazione sull’esperienza vissuta:

  • Oggi  siamo andati in gita con il pullman
  • No, non era una gita, non siamo andati a mangiare i panini
  • siamo andati in libreria 

Maestra: cos’è una libreria?

  • è un mobile con i libri
  • c’erano molti mobili con tanti libri
  • eravamo seduti su un tappeto
  • una signora poi ha letto un libro
  • no, ne ha letti 5

Vi è piaciuto? Di cosa parlavano i libri?

  • Quella signora ha detto che dobbiamo essere gentili 
  • cioè bravi con gli animali
  • anche con la mamma e i compagni
  • alla signora abbiamo detto GRAZIE!

E’ arrivato nelle radio italiane “Bella davvero”, il nuovo singolo di Antonello D’ Attoma, una canzone d’amore pop, che rappresenta in pieno il cantautore e medico neurologo pugliese originario di Ostuni.

“Dalla filosofia della Mente alla musica leggera, passando per Freud e Kierkegaard?Potrebbe andar bene come sintesi? Insomma…una piccola sfida!” 

Medico ospedaliero specialista in neurologia, Esperto in Cefalee, negli ultimi anni si è occupato di memoria e Alzheimer, dedicando tempo e ricerca allo studio del cervello, ai meccanismi che regolano la nascita dei processi mentali, alla Filosofia della Mente (branca di studio dove la neurologia si incontra con la filosofia).

Giornalista scientifico, da sempre con la passione e la curiosità per la scrittura, ha al suo attivo la pubblicazione di numerosi saggi e romanzi; la sua ultima pubblicazione, “La meravigliosa gioventù'” (Ed. Falco), è un affascinante percorso nella complessità  psichica dei suoi protagonisti, un percorso che si compie fra la filosofia, la psicologia e l’intima spiritualità. 

Esperto di radio e tv, con molte esperienze alle spalle, l’ultima delle quali su Tele Norba, con una rubrica di informazione sanitaria. Lo scorso anno si è proposto in numerosi teatri pugliesi con il suo Recital “A SUD”, con grande successo di critica. E poi la passione musicale: da sempre, con pianoforte e chitarra.

“Non vi è modo più rasserenante per ritrovarsi e ricaricarsi, del lasciarsi andare con la musica…il pianoforte in particolare. La musica è la miglior cura per l’anima….!”

E da qui nasce questo ultimo progetto musicale, sostenuto anche dall’entusiasmo di Matteo Tateo e Lelio D’Aprile (Redland), che hanno fortemente creduto all’artista medico ostunese, alla sua musica accativante, melodica e ai suoi testi semplici e al tempo stesso, mai banali, oltre che e innanzitutto, alla sua voce. 

lady mafia

La coprotagonista del video musicale scelta grazie al crowdfunding!!!

La Cuore Noir Edizioni, casa editrice che pubblica il fumetto “Lady Mafia”, attiva una campagna di crowdfunding su Eppela con un duplice obiettivo: raccogliere i fondi per finanziare la realizzazione di un video musicale ispirato alla regina del noir e scegliere il nuovo volto da affiancare a Veronica Ciardi, ex concorrente del Grande Fratello e protagonista dei precedenti lavori firmati da Pietro Favorito, l’ideatore della serie.
Questo nuovo video musicale, pensato per il lancio dell’omonimo romanzo, in pubblicazione per Marzo/Aprile 2018, e della Graphic Novel, in commercio invece da fine Dicembre 2017, sarà disponibile sul canale Youtube della Cuore Noir Edizioni e sul sito www.cuorenoir.it a cavallo tra le due uscite.


Considerato infatti il grande successo ottenuto da “Lady Mafia… No More Rain”, il brano cantato da Maria Pia Pizzolla, concorrente del talent di Maria De Filippi, quando questo ancora si chiamava Saranno Famosi, e il cui video ha raggiunto i tre milioni di visualizzazioni su YouTube, la Cuore Noir intende tornare sul set per dare vita a un nuovo video musicale.
Alla ragazza selezionata attraverso Eppela sarà riconosciuto un compenso di euro 400,00 e verrà data la possibilità di partecipare ai principali eventi in cui il progetto Lady Mafia sarà presente: fiere di settore, presentazioni in librerie, eventi in discoteca, ecc.
Infine, grazie ad Eppela, la CNE offrirà a tutti la possibilità di partecipare alle riprese del video. Come spettatore, o come comparsa!!!

La campagna è attiva da mercoledì 08/11/2017 e lo rimarrà per quaranta giorni. Tutti i dettagli per partecipare alla selezione e il modo per contribuire, li troverete al seguente link: https://www.eppela.com/ladymafia

Ecco il precedente video musicale con Veronica Ciardi e Sarah Nile: https://youtu.be/gOe0MKoTirg
Per informazioni:

[email protected]

www.cuorenoir.it www.ladymafia.it

Un incontro letterario davvero ricco e coinvolgente quello che si è svolto la settimana scorsa a Novara.

Ospite della Biblioteca civica di Novara è stato lo scrittore e maestro di musica Alessandro Pierfederici, che ha presentato al pubblico le sue opere e ha regalato un interessante ritratto di sé.

L’artista, originario di Trieste, è reduce dalla vincita dei prestigiosi premi letterari “Kafka”: il romanzo “Ascesa al regno degli immortali” ha conseguito il primo premio nella categoria “Romanzo”; la raccolta di racconti “Racconti e memorie di isole e mari” ha ottenuto il primo premio per la categoria “Racconti ” e il saggio “Oltre le colonne d’Ercole” ha avuto il premio speciale della giuria nella categoria “Saggistica”.

L’incontro è stato condotto dalla dott.ssa Milena Giacobbe, psicologa dell’età evolutiva, che ha saputo cogliere con le sue riflessioni e curiosità gli aspetti più profondi dell’artista.

Lo scrittore è molto affezionato a tutte le sue opere, ma un sentimento speciale lo lega al romanzo “Ascesa nel regno degli immortali” perché il protagonista è un musicista, proprio come lui, ed è un racconto che è rimasto in gestazione per 17 anni.

Se fosse costretto a scegliere tra le sue opere, farebbe fatica a salvarne una.

Positivi i rapporti dell’autore con la critica letteraria: “A volte è andata oltre, in senso buono, rivelando qualcosa  di me che era nascosto; ha saputo leggermi tra le righe.”

Nel romanzo “Racconti e memorie di isole e di mari”, Pierfederici ricorda le sue vacanze infantili trascorse all’Isola d’Elba, insieme ai nonni: qui ci sono luoghi che serbano la memoria, che evocano determinate epoche, periodi, e predomina l’immagine dell’isola  che rappresenta l’isolamento, ma anche la protezione.

Alla domanda della dott.ssa Giacobbe “Chi è Alessandro Pierfederici: uno scrittore, un autore, entrambi?”, l’autore ha dichiarato con decisione: “Sono un musicista che scrive e uno scrittore che fa musica”.

Alessandro Pierfederici con la dott.ssa Giacobbe

Secondo l’artista è molto difficile scindere i due ruoli.  “Sento la necessità di dire qualcosa di nuovo, la curiosità di dire qualcosa di nuovo. Tutto questo si trasforma in scrittura. C’è qualcosa – continua Pierfederici – che mi affascina: gli elementi mentali incontrollabili, il mistero della mente.”

L’autore ha confidato ai presenti di rimanere affascinato dal fatto che un musicista fa nascere le proprie opere da un “foglio bianco”,dall’istinto. Secondo lui, l’artista ha il compito di rimanere bambino e creare da’ l’idea dell’infinito. “C’è qualcosa nell’uomo che è in infinito, che è proprio il pensare, il creare qualcosa che prima non c’era. E quando si tocca quella percezione  è fantastico”.

La dottoressa ha poi chiesto allo scrittore di descrivere le proprie opere con un aggettivo: “Ritorno al tempo che non fu” lo definirei fiabesco, una fiaba moderna, poiché descrive una realtà mediocre che esalta una musica sublime. E’ sbagliato, però,  per un artista staccarsi completamente dalla realtà nella quotidianità.

Il secondo – continua l’autore – l’ideale deve essere trovato dal reale quindi lo definirei idealista.

Il saggio lo definirei fantasioso: qui emerge spesso la figura dei padri; i veri figli di Verdi sono state le sue opere e in ognuna di esse c’è un padre.

lo scrittore con la moglie e la figlia

I racconti, invece, li definirei i libri delle memorie (del passato che è dentro di noi); sono racconti fantasiosi, magici, leggendari, che narrano un’umanità a 360°: c’è il rapporto con la natura, con i pesci, i pescatori, ecc..”.

Lo scrittore ha manifestato il suo dispiacere nei confronti del periodo  attuale, nel quale si sta dissacrando tutto, si sta perdendo la strada. E’ turbato per questa tendenza e volontà di dissacrare. Ha sottolineato che il rispetto per la vita e pensiero altrui dovrebbero essere assoluti. “Si perde un po’ di collocazione , come in un puzzle e mettiamo in disordine, tanto da non farne capire più il disegno.”.

Il lettore ideale di Pierfederici, come ha confidato lui, deve avere pazienza perché le sue opere tendono a non andare in profondità, rimangono in superficie e richiedono al lettore il bisogno di farsi delle domande. Il sogno di uno scrittore per lui è quello di scrivere qualcosa che sia sempre più bello, di cercare di rendere sempre più giustizia ai compositori di cui si occupa, poiché la loro grandezza è essere uomini per prima cosa.

Lo scopo dell’arte è quello di creare benessere – ci confida il maestro – di far star bene, di darci qualcosa in più. La musica e la scrittura hanno in comune questo.”.

Alcuni ospiti hanno chiesto all’autore che differenza c’è nel creare musica e creare un personaggio: “C’è sempre un elemento biografico, i personaggi che io creo nascono dal profondo. L’idea letteraria è qualcosa che si muove dentro lo scrittore, i personaggi vengono plasmati nel periodo storico scelto. La musica nasce invece da uno stimolo esterno che mette in moto la teatralità.”.

lo scrittore con alcuni ospiti

Pierfederici ha in cantiere nuovi progetti che presenterà presto ai suoi lettori. Non ci resta che aspettare le sue interessanti novità musicali e letterarie.

Per conoscere meglio Alessandro Pierfederici e poter acquistare le sue opere:

http://www.alessandropierfederici.it/Alessandro_Pierfederici/Home_page.html

 

 

 

Il libro che contiene le recensioni dei libri vincitori del Premio Letterario Nazionale Kafka

Ecco alcuni momenti della presentazione: