Psicologia: Genitori adottivi ? GENITORI

I consigli della psicologa dell’età evolutiva, dott.ssa Milena Giacobbe

Quando si ama un figlio, lo si ama in modo identico in qualsiasi modo sia arrivato. Da questo punto di vista non esistono differenze tra genitori naturali e genitori adottivi. È anche vero però che genitori si diventa e che alcuni devono rifletterci prima di diventare genitori, altri si trovano a farlo quando lo diventano e altri purtroppo non o fanno mai! Ecco perché alcuni adulti dalla personalità rigida e con convinzioni ferree sulla famiglia e l’educazione dei figli dovrebbero riflettere bene su cosa comporta  diventare genitori: un figlio ha bisogno di fermezza, ma anche di una sufficiente  elasticità mentale che permetta di mettersi in gioco, perché, inevitabilmente, alcune certezze verranno spazzate via.

Nel momento in cui si decide di avere un figlio, nella mente dei  futuri genitori  inizia a costruirsi l’immagine del bambino che nascerà o che verrà loro affidato. Il percorso immaginativo, quindi, è simile, anche se in caso di adozione le variabili da prendere in considerazione sono maggiori rispetto a quelle di una nascita. La paura che le proprie aspettative non vengano soddisfatte o ancora di non essere in grado di essere genitori può generare dubbi e angosce che solo se affrontate posso contribuire alla crescita della coppia genitoriale. Per la coppia di genitori adottivi inoltre può farsi strada la paura che non si sviluppi una relazione di attaccamento tra loro ed il bambino. C’è bisogno quindi di un periodo di assestamento in modo che il nuovo nucleo familiare possa trovare un equilibrio soddisfacente per tutti i membri, periodo durante il quale i rapporti familiari cambieranno in relazione, principalmente, ai bisogni del bambino. Solitamente la psicologia sottolinea che i primi anni di vita siano determinanti per la costruzione della personalità adulta, come se da un certo punto in poi si potessero solo limitare i danni, ma non avere un cambiamento radicale. È vero che i vuoti non si possono colmare, ma è altrettanto vero che creando un ambiente coerente che sappia trasmettere valori e comportamenti non solo adeguati, ma soddisfacenti, le cose possono cambiare. Ecco perché diventa indispensabile un ambiente scolastico di un certo tipo, una società sportiva in linea con esso, genitori che antepongono il bisogno del figlio di crescere sereno ad ogni  altra cosa. Non nego che i genitori adottivi debbano affrontare difficoltà che genitori naturali solitamente non incontrano, prima fra tutte la gestione delle origini e del passato non comune del figlio. Questo però merita una riflessione a parte. 
Scopo di queste righe era invece riflettere sull’importanza di essere genitori:  diventare genitori è una delle scelte più importanti della vita. Essere disposti  a prendersi cura di un bambino e crescerlo significa innanzitutto essere disposti a mettersi in discussione e cambiare, perché ogni tappa della vita è una conquista di tutta la famiglia. Fortunatamente non esistono genitori “perfetti”, ma genitori  sufficientemente buoni e disposti a trovare in se stessi le risorse per affrontare le prove che la vita deciderà e che , soprattutto, abbiano scelto di diventare genitori non per colmare un loro vuoto, ma perché personalità mature pronte a intraprendere un cammino di responsabilità e di crescita che forse non darà le gratificazioni attese, ma sicuramente gioie inattese.  
Dott.ssa Milena Giacobbe
Psicologa dell’età evolutiva
Viale Dante, 20 Novara
Cel. 348.3173462
Precedente Isa Voi e "Il cuore che non c'è" ospiti di Radio Azzurra Fm in 'Polvere di stelle' Successivo La parola alle lettrici

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.