Maurizio Asquini ritorna con “Il sole sottoterra”: intervista allo scrittore

asquini

Cari lettori, oggi vogliamo proporvi l’intervista a uno scrittore novarese molto conosciuto che ha pubblicato libri molto avvincenti e interessanti ed è stato vincitore di numerosi premi letterari.

Maurisio Asquini si è presentato al pubblico col suo primo romanzo, il pluripremiato “Dio ingannatore”, e ci ha regalato stravaganti storie letterarie come “Cervelli” bruciati” e “Io non rispondo”.

Autori di numerosi racconti interpretati dal gruppo teatrale Les Autres, ha pubblicato da poco “Il sole sottoterra”, che presto presenterà a Galliate.

Noi lo abbiamo incontrato  e intervistato per voi:

  • “Il sole sottoterra” è il suo ultimo romanzo: come lo racconterebbe ai suoi lettori?

Lo racconterei visto attraverso gli occhi di un giovane professore di lettere che vive l’esperienza tragica in un Lager polacco e della dottoressa che si occupa di chi deve vivere o morire, ma al loro primo incontro scatta qualcosa d’incredibile. In poche parole l’Olocausto visto da un’ottica diversa nella quale sono i sentimenti a prevalere sulla malvagità dell’uomo.

asquini

 

  • Che messaggio vuole trasmettere con questo racconto?

Che l’uomo è malvagio in natura e non esistono differenze tra razze perché l’uomo è malvagio in sé stesso, e solo l’amore può prevalere su questo male che si protrae nella storia dell’umanità.

 

  • Da dove nascono i suoi personaggi, sempre così particolari e psicologicamente complicati?

Lavoro solitamente su personaggi in contrasto tra loro: in Dio ingannatore abbiamo il ragazzo mentalmente minorato e l’ufficiale nazista agli arresti domicicliari; in Cervelli bruciati il tossicomane con il vecchio fascista smemorato e in Io non rispondo il giovane emarginato che incontra un ragazzo diversamente abile. Principalmente sono le storie forti e intense a mantenere alta la lettura con ingredienti carichi dei una trama avvincente.

 

  • In tutti i suoi romanzi lei è in grado di tracciare molto abilmente l’aspetto emotivo e il profilo psicologico dei protagonisti; da dove è nata questa sua capacità?

Molto probabilmente dalla capacità di osservare una storia da un punto di vista molto originale e di creare uno specifico carattere ad ogni singolo protagonista in modo che ricalchi la propria scena.

  • Lei ha vinto moltissimi premi letterari nazionali: qual è quello che ricorda con particolare affetto?

Ogni volta che mi si pone questa domanda prontamente rispondo che i premi sono come le dita della mano: nessuno è differente dall’altro. Due in paricolare sono il Città di Trieste che mi ha portato alla pubblicazione e alle cerimonie galattiche con cene da cinque stelle. Un premio che ho molto a cuore è stato il Penna d’autore che mi ha fatto guadagnare una bella sommetta che per un autore spiantato come me, è stata una botta di vita…

 

  • Com’è nato il suo amore per la scrittura?

Avevo per la mente tante belle storie da raccontarvi! E perché non provarci? Ho provato a partecipare, a suo tempo, al premio Città di Trieste e senza nemmeno crederci, mi sono trovato vincitore. Ormai è l’unica cosa che mi riesce ancora di fare…

 

  • Scrivere oggi vuol dire…

In questi ultimi anni sono nate tantissime case editrici e di conseguenza tanti nuovi autori tra i quali molti di questi hanno pubblicato nei modi più assurdi e “disperati”, rendendo il mondo dell’editoria a una vera Babilonia e ciò rende difficile potersi indentificare in questo mare di libri. La mia “fortuna” sono i premi che perlomeno garantiscono un minimo di qualità a chi li vuole leggere oltre a essere sotto contratto con una casa editrice che riesce ancora a tenere il mercato editoriale.

 

  • Progetti futuri?

Tanti, molti dei quali improvvisati al momento, per il semplice fatto che in questo lavoro è praticamente impossibile prestabilire dei progetti. Ho in cantiere un romanzo inedito che sembra aver preso una buona forma. Ci sono gli incontri con il gruppo teatrale Les Autres di Anna Patrizia Caminati il quale si occupa sulla recita dei miei racconti. Ci sono, infine, alcuni incontri con il pubblico…

Per acquistare il romanzo “Il sole sottoterra”: https://www.ibs.it/sole-sottoterra-ebook-maurizio-asquini/e/9788867337835

Dai uno sguardo al sito dell’autore: https://www.maurizioasquini.com/

 

Precedente "Bambini all'opera": gli studenti novaresi portano in scesa l'Aida al teatro Coccia Successivo "Arte & vino", il libro di Alessandro Reale

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.