Psicologia: CARI NONNI

NONNI
La rubrica della dott.ssa Milena Giacobbe, psicologa dell’età evolutiva

Nonni. Insostituibili compagni dei nipoti a cui riescono a trasmettere affetto incondizionato e per i quali diventano presenze insostituibili, soprattutto nell’attuale società.

Penso ai miei nonni e a come “facevano i nonni” in maniera completamente diversa da come oggi lo fanno i miei genitori con i miei figli. Identico però mi sembra il legame che legava ieri  nonno Luigi a me e che lega oggi nonno Angelo ai miei figli.

Perchè se negli ultimi decenni il  ruolo e  l’”immagine” dei nonni all’interno della società sono cambiati tantissimo, invariato è la relazione di amore disinteressato che li lega ai nipoti.

Non sono più “vecchi” come una volta, sono dinamici, curano se stessi, usano telefonini e computer, ma hanno la consapevolezza che il tempo che gli rimane forse non è tanto e per questo se si dedicano ai nipoti lo fanno senza riserve.

La famiglia è cambiata. Tendenzialmente mononucleare e con madri lavoratrici.

I nonni diventano allora indispensabili per accudire i figli. Ma fortunatamente non si limitano a supplire la mancanza dei genitori: contribuiscono infatti in maniera determinante a trasmettere ai nipoti valori che poi ne faranno uomini e donne,

Li prendono per mano e li accompagnano alla scoperta del mondo, incoraggiandoli, proteggendoli e supportandoli. Che dire dell’energia con cui i nonni fanno il tifo ai bordi dei campi di calcio o sotto il palco dove si esibisce la nipotina?

La loro presenza è anche utile per evitare che precocemente i bambini diventino adulti: troppo spesso i genitori spingono all’autonomia i figli che entrano nella società senza essere preparati,

I nonni invece riescono ad avere il tempo e la disponibilità ad accompagnare i nipoti nella conoscenza del mondo.

Spesso i nipoti si fidano dei nonni perché non si sentono giudicati da loro come invece reputano di esserlo dai genitori e, anzi, li usano come mediatori con i genitori stessi.

Per fare tutto questo è indispensabile che i nonni riconoscano il proprio ruolo e quello dei genitori: non possono pensare di essere “doppi genitori” dei figli e dei nipoti, ma devono avere il coraggio di capire che i figli sono ormai adulti e possono fare le loro scelte, più o meno condivise, e che loro hanno un ruolo diverso, ma fondamentale!

E i genitori a loro volta non devono sentirsi privati dell’amore dei figli che preferiscono i nonni! Il fatto che i nonni tendano a dare “vizi”  ai nipoti, per esempio, non toglie nulla al fondamentale ruolo dei genitori stessi. ognuno ha il proprio ruolo.

Soprattutto nella nostra società c’è posto per tutti, l’importante è che ci sia l’obiettivo comune di vedere i bambini diventare adulti sereni e realizzati.

GRAZIE NONNI.

Dott.ssa Milena Giacobbe

Psicologa dell’età evolutiva

Viale Buonarroti, 13 Novara

Cel. 348.3173462

Precedente Il romanzo "Domani" di Isa Voi ordinabile sul sito spagnolo Successivo Ad Ancona presentazione del romanzo "Ti riconosco dalla voce" di Sebastiano Mantovani

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.