Il disegno, il mondo “parlante” del bambino

 

img003

di Isa Voi

l disegno è una delle forme di comunicazione non verbale preferita dai bambini.
Dai disegni dei bambini si può valutare a quale stadio dello sviluppo di maturazione ed intellettivo sono; p
oiché è un valido modo per esprimere sé stessi, inoltre, il disegno trasmette importantissime informazioni sui piccoli, le sue difficoltà, i suoi timori, le sue gioie e i desideri.


Ma per diventare un efficace strumento informativo deve essere libero, spontaneo privo di qualsiasi forma di costrizione.

Molto spesso i bambini disegnano per scaricare dell’energia in eccesso che sentono dentro di loro: così la rappresentazione grafica diventa anche strumento di canalizzazione delle sensazioni ed emozioni percepite e vissute come ingombranti da parte del piccolo.
Il disegno comincia, nei primissimi anni, sotto forma di scarabocchio come desiderio di voler lasciare un’impronta di se stessi, utilizzando un messaggio personalizzato fatto da linee confuse o da cerchi che riempiono interi fogli.

Col tempo, i disegni cominciano ad acquisire una consapevolezza ed intenzionalità, e sono finalizzati a rappresentare la propria casa, la propria famiglia, i propri affetti, i giochi..
Uno dei primi disegni che il bambino rappresenta è quello della figura umana (prima solo frontalmente, seguendo la percezione del proprio schema corporeo).

Con la crescita intellettiva e fisica del bambino, la figura muta. Intorno ai tre anni, i corpi sono composti da una testa, dalle braccia  e gambe (che nella prima fase partono dalla testa), e pochi dettagli. Man mano si arricchisce di particolari.

Il bambino proietta in maniera spontanea la propria personalità, racconta se stesso, racconta delle persone significative che lo circondano e narra di esperienze significative della propria vita.

I bambini introversi e tristi utilizzano spesso il disegno come mezzo di comunicazione per arrivare all’adulto e alle sue attenzioni.

E’ importante far parlare il bambino su ciò che ha disegnato, sia ponendo domande specifiche sia facendolo parlare/descrivere spontaneamente.

Il bambino non rappresenta un oggetto come è nella realtà, ma come egli lo vede, lo vive e lo percepisce; in questo modo ci trasmette il suo modo di leggere e percepire la realtà.
Per una corretta interpretazione bisogna prendere in considerazione alcuni elementi: lo spazio che il disegno occupa nel foglio, il tratto della matita sul foglio, la grandezza dell’oggetto disegnato, la forma, il colore, ecc..
Bambini sofferenti, malati, tristi esprimono il loro dolore nel disegno utilizzando spesso colori scuri, occupando poco spazio nel foglio, mutilando al disegno della figura umana arti o accentuando particolari zone del corpo: questi sono alcuni elementi che possono essere segnali di difficoltà e disagio e che non devono essere sottovalutati da un adulto.

In questo articolo vengono presentati alcuni disegni particolari di bambini di varie età

 

3 ANNI

BAMBINO (bambino)

PAPA’ (bambina)

PERSONA (bambino)

4 ANNI

Un fungo (bimba)

Un topo (bimba)

Un topo (bimba)

Aeroplano (bimba)

(bimba)

Una casetta (bimba)

Una chiocciola (bimba)




Faccia (Giulio)

La mia casa (Bruno)

Cavallo (Marta)

Un albero (Giulia)

Un grande occhio (Anna Luisa)

Una zucca (Laura)

Un treno e un sasso (Matteo)

La strada (Alessia)

Una festa (Valentina)

Un gioco (Valentina, 4 anni)

Bambino

Un cavallo (Bimba)

Un pane (bimba)

Le uova (Alessia, 4 anni)

Il vento (bimba)

Albero (Alessandro)

Dinosauro (Sofia)

La liguria (bimba)

Non me lo ricordo (Bimba)

La nostra casa

Il tetto, gli indiani
 

Un bambino che va al mare (Mario, 4 anni)

IL MIO COMPLEANNO (bambina)

IL MIO COMPLEANNO (bambino)

LA BICICLETTA (bambina)

UN UOVO (bambina)

(bambina)

(bambino)

ARCOBALENO (bambina)

(bambina)

LA CASA (bambina)

LO SCIVOLO (bambina)

ARCOBALENO (bambina)

UNA CHIOCCIOLA (bambina)

UN DINOSAURO (bambino)

LA MAESTRA ISA (bambina)

IL MARE (bambina)

UN POLIPO (bambina)

UN CINEMA (bambina)

I SOLDATINI (bambina)

LA MAESTRA CHE VA AL MARE (bambini)

UNA CAPRA STA BEVENDO IL LATTE (bambina)

LA MAESTRA ISA FA’ L’APPELLO (bambina)
LA MAESTRA ISA  (bambina)

LA MAESTRA ISA (bambina)
 

5 ANNI

Precedente Frasi famose..da non dimenticare: Socrate Successivo La storia di "Bruco Bruchino": realizziamo il nostro libro

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.