Con “Il diario della Casa dei Girasoli” al via “La Novara del Bene”, una collana dedicata al sociale, per dare voce a chi non ha voce. I volumi scritti e curati da Monica Curino

ATT00002

Da qualche settimana in libreria (all’Ibs di corso Italia 21 e a La Talpa di viale Roma 21 F, ma presto anche in altre) è disponibile “Il diario della Casa dei Girasoli”, opera d’esordio per Monica Curino, giornalista professionista e appassionata firma del sociale locale.

Il libro costituisce la prima tappa del più ampio “La Novara del Bene”, progetto-collana di libri, che, patrocinato dalla Provincia di Novara, ha l’intento di raccontare, attraverso la forma romanzata, le storie vere di chi si spende per il bene comune. Monica ha scelto, per iniziare a dare voce a chi spesso voce non ha, la straordinaria storia di Alessia Mairati e dell’associazione che porta il suo nome.
Attraverso le pagine di questo piccolo romanzo entriamo nel sogno che ha dato vita a Casa Alessia, realtà ormai presente non solo in città, a Novara, ma in Italia e nel mondo. Ci accompagna, prendendoci per mano, la tenace e intraprendente Nina, la protagonista della storia, una ragazza che non ha paura di inseguire un grande sogno, proprio come Alessia, anche se indirettamente, le insegna. Con lei, vera e propria guida nel mondo dell’‘esercito’ in giallo, Arianna, una bimba di soli sei anni, allegra, piena di entusiasmo, vivace e molto curiosa e vera mascotte di tutti i volontari dell’associazione. E poi le storie dei volontari stessi, dei bimbi aiutati, Alessia stessa che racconta la sua esperienza in Ecuador e che porta il papà a portare avanti il suo piccolo grande sogno: aiutare gli orfanelli, tutti quei bambini che, per le vicissitudini della vita, si trovano a vivere soli o, comunque, in gravi difficoltà.

Un viaggio, in 185 pagine che si leggono tutte d’un fiato, ricco di sentimenti, di emozioni, di esperienze e di vera solidarietà.
Come si legge nella quarta di copertina del libro (edito da Bellesi & Francato publishing in collaborazione con Casa Alessia onlus; realizzazione grafica Fabrizio Francato), “… quello che compirà Nina non è solo un viaggio alla scoperta della sua coscienza, ma una vera e propria rinascita spirituale”. E ancora: “Casa Alessia onlus le cambierà la vita, proponendole un messaggio di solidarietà che le entrerà nel cuore e la porterà a fare cose mai prima di allora nemmeno immaginate”.

“Ho sempre voluto parlare approfonditamente delle associazioni novaresi impegnate nel volontariato – spiega l’autrice – L’ho potuto fare, a più riprese, per i giornali per cui lavoro e ho lavorato, ma lo spazio, per ciò che vedevo io portare avanti dalle Realtà del Bene, non era mai sufficiente: serviva di più, qualcosa che le potesse aiutare concretamente. Così è nata ‘La Novara del Bene’, per dare voce a chi non ha voce, per far conoscere ai novaresi, e non solo, le tante belle associazioni del Bene presenti sul nostro territorio. L’idea era nell’animo da molto tempo, almeno sette anni, e ora si è concretizzata. Obiettivo, promuovere questi gruppi, farli conoscere, portare qualche nuovo volontario a unirsi e dar loro una mano concreta, anche a livello di fondi”. Il libro è disponibile, infatti, nelle librerie, ma anche presso Casa Alessia onlus e i banchetti e le manifestazioni cui partecipa l’associazione presieduta da Giovanni Mairati. Associazione che li ha acquistati a un prezzo ribassato rispetto a quello di copertina e che, rivendendoli a prezzo pieno (il volume non costa molto: solo 10 euro), avrà un ricavato a disposizione delle molteplici attività dell’‘esercito’ in giallo.

L’autrice presenterà “Il diario della Casa dei girasoli” nelle prossime settimane a Novara con ospiti di prestigio. Aggiornamenti a breve. Intanto è già disponibile una pagina Facebook, ancora molto agli inizi: https://www.facebook.com/LaNovaradelBene?fref=ts.

Precedente Mauro Travasso Successivo Monica Curino

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.