Intervista a Suor Luisa: “Leggere per sognare e per pensare in modo inclusivo, ecco il messaggio della Libreria Paoline di Novara”

Cari amici,

Uno dei miei luoghi preferiti dove abbandonarmi piacevolmente alle novità letterarie e respirare un’atmosfera ricca di storie e fantasia, è la Libreria Paoline di Novara.

In questi anni, oltre a trovare ispirazione per le mie letture, sono stata spesso ospite di questo boookshop insieme ai bambini della mia scuola dell’infanzia per partecipare a laboratori e diverse iniziative a “tema”.

Suor Luisa e le sue colleghe hanno sempre accolto con affetto e con storie coinvolgenti tutti gli studenti e le insegnanti delle scuole novaresi, per diffondere e stimolare sin dall’infanzia l’amore per la lettura.

Questa libreria è da sempre un’importante realtà novarese dove i lettori di qualsiasi età vengono accompagnati con passione e interesse nella scelta dei libri, che non sono semplici oggetti ma un fondamentale elemento per la crescita e per lo sviluppo della personalità di ogni persona.

Personalmente, amo circondarmi di libri di “carta” piuttosto che di ebook, perchè il vecchio, classico libro riesce a trasmettere sensazioni che nessun ebook può donare.

Ho incontrato con piacere Suor Luisa, e l’ho intervistata per voi:

Suor Luisa, lei da tempo si occupa con impegno e interesse al mondo dei libri. Tutti i giorni possiamo incontrarla alla Libreria Paoline di Novara: come è nata la sua passione per l’editoria?

Ho iniziato a leggere da bambina, grazie alla biblioteca molto fornita della mia famiglia (mio papà era un appassionato lettore e mi ha trasmesso la passione per la lettura). Frequentavo anche molto la biblioteca comunale. Ho poi incominciato dopo le scuole superiori il mio percorso di religiosa nell’Istituto delle Figlie di San Paolo (Paoline) che hanno come missione l’annuncio del Vangelo con gli strumenti della comunicazione sociale e la stampa vi rientra molto bene. In passato ho lavorato come promotore della casa editrice, come editor in redazione e ora in libreria.

In questi giorni si è conclusa l’iniziativa IO LEGGO PERCHE’; vorrebbe parlarci di questo evento?

 Lo considero un appuntamento annuale a livello nazionale importantissimo. Come libreria vi abbiamo aderito fin dal primo anno perché significa aiutare le nuove generazioni ad appassionarsi alla lettura, a ricominciare a sognare, a crescere in umanità, ad aiutare a pensare con la propria testa e in modo inclusivo.

Come definirebbe la partecipazione di genitori e cittadini in questi anni a questo appuntamento annuale? Direi che la partecipazione è cresciuta, anno dopo anno, e questo ha permesso di aprire questo Progetto per la prima volta anche presso alcuni asili nido. Naturalmente sempre tenendo presente che, in un tempo di crisi economica, il libro non rientra nei beni di prima necessità. Abbiamo riscontrato che dove ci sono insegnanti che “ci credono” fortemente, il risultato è molto positivo.

E’ difficile essere una libraia oggi? Quali sono le difficoltà che riscontra?

Non è facile essere una libraia oggi, bisogna stare al passo con i tempi, con le nuove tecnologie, sempre attente a rispondere alle esigenze della gente sul territorio e alla concorrenza. Internet è predominante, è senz’altro più comodo ricevere direttamente i libri a casa piuttosto che venire fino alla libreria, senza rendersi conto che questo a lungo andare ci penalizzerà. I costi di gestione sono alti, c’è stata una pandemia, c’è tuttora una crisi economica e il prezzo della carta è salito alle stelle con le conseguenze che possiamo immaginare… A volte riscontriamo lentezze nelle consegne da parte dei distributori… Certo, allora si cerca  di trovare vie nuove di animazione e di diffusione ma non è affatto facile. Il rapporto umano con il cliente, in ogni caso, non può essere sostituito da un computer.

Quali sono i generi più venduti?

Anche se siamo una libreria religiosa, di settore, siamo aperte a tutto quanto può essere utile alla donna e all’uomo di oggi per aiutarli a crescere in umanità. Nella nostra libreria trovano spazio quasi tutti i generi e per noi, come per tanti altri, è in crescita il settore bambini e ragazzi, tutto quanto riguarda i viaggi, oltre al nostro specifico di spiritualità, meditazione, testimonianze di vita.

A quali altre iniziative partecipa la vostra libreria?

La libreria organizza presentazioni dei libri, laboratori per i bambini, aggiorna quotidianamente la propria pagina Facebook, è disponibile a vendite per eventi e occasioni particolari, può offrire depositi ad associazioni o altri enti, ecc. Siamo anche un punto Nati per leggere ed Erickson, anche da noi gli insegnanti possono acquistare testi con il bonus docente.

Quali sono i consigli che chiedono più frequentemente i vostri lettori?

In questo tempo, in particolare, la gente ha bisogno di essere rasserenata, di trovare punti fermi, di essere ascoltata… I consigli che richiedono a noi vanno quindi  in questa direzione.

Quali generi di lettori frequentano la vostra libreria?

Sacerdoti, religiosi/e ma soprattutto laici e famiglie (italiani e non)

Quale consiglio darebbe al lettore di oggi?

Non smettete mai di approfondire, di leggere, di viaggiare con la mente per tenerla aperta.

Dopo l’arrivo del Covid, secondo lei come è cambiato il panorama delle case editrici ?

Con la pandemia, Internet ha preso il sopravvento sulle librerie fisiche e anche le case editrici hanno dovuto cambiare modalità di contenuti mettendosi in gioco con tanta creatività. Per le librerie fisiche gestire il dopo covid non è stato facile.

Che libro ci consiglierebbe in questo periodo?

Penso che non ci sia un libro adatto per tutti anche in questo periodo, perché ognuno di noi ha i propri gusti ma sicuramente consiglierei un testo per alimentare fiducia nella vita, speranza, qualunque sia il genere letterario.

Intervista di Isa Voi

La libreria Paoline si trova a Novara, in corso Italia 49/B

Pagina Facebook: https://www.facebook.com/libreriapaoline.novara

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.