Le RaccontaStrocche di Isa Voi: “IL MIO AMICO GIGI” (filastrocca sull’autismo)

IL MIO AMICO GIGI

Il mio amico Gigi

Nel cortile del palazzo,

Gigi corre come un razzo;

tu sei proprio fortunato:

hai un amico scatenato!

Gigi sogna, danza, guarda,

poi di colpo scappa e…torna;

non si stanca mai di andare,

sempre solo vuole stare.

Lui sa fare tante cose,

belle, strane, coraggiose…

ma di certo fantasiose.

Tu ti chiedi: – Come mai?

Certe volte sembran guai! –

Tu lo guardi, lo cerchi,

gli fai compagnia,

perché vuoi che con te

un poco stia.

Poi con gioia lo saluti:

Ehi amico, come stai?

Lui risposta non ti dà                                        

e saltella un po’ più in là.

Quegli occhietti vispi e tondi

stan viaggiando in mille mondi.

Sono posti sconosciuti,

che raggiunger tu non puoi:

solo Gigi ci sa andare,

silenziosamente va…

Non ci sono indicazioni

né fermate di stazioni:

una meta lui non segue

e il suo viaggio straniero

 con fiducia e sicurezza prosegue.

Tu lo insegui quatto quatto

poi sussurri di soppiatto:

Hei, amico,  vieni qua! –

Tu lo sai che non verrà,

tu lo sai che sentirà,

e tu sai che è accanto a te:

Gigi vede in modo speciale

forse più di un occhio normale!

Poi di colpo una sorpresa!

Lui si volta e ti accarezza,

 e a te si dona con leggerezza:

sono attimi sfuggenti

come mille stelle cadenti.

Grazie caro amico mio,

starò sempre al tuo fianco

anche quando più  non sarai

solo il mio compagno di banco.

di Isa Voi

Precedente La Giornata della Gentilezza alla scuola dell'Infanzia Elve di Novara Successivo Cioccolato belga e qualità nelle novità dolciarie Delacre

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.