Le RaccontaStrocche di Isa Voi: NONNINO MIO, DOVE SEI?

Nonnino mio, dove sei?

Cerco su e cerco giù,

come mai non ci sei più?

Stai giocando a nascondino

e sei nascosto forse in giardino?

Dai, nonnino, non fare il dispettoso,

so che sei un tipo giocoso..

Ma ora voglio solo abbracciarti

 e sono stanco di cercarti.

Ti chiamo forte ma non rispondi

e aspetto triste i tuoi occhi profondi.

Del nostro appuntamento al parco

oggi ti sei dimenticato,

forse perché male mi son comportato?

Se ho sbagliato non lo farò più,

ma tu nonnino, ti prego…

ritorna quaggiù!

Dovunque tu sia, ritorna da me

perché mi annoio a giocar senza te.

Chiedo alla mamma dove sei andato,

ma lei mi abbraccia

e mi racconta quanto mi hai amato.

Con te ora sono un po’ arrabbiato,  

perché tu non mi hai ascoltato:

io voglio abbracciarti,

voglio toccarti e baciarti.

Voglio che tu gridi:

“Piccolo mio, corri in braccio a me  e sorridi!”

Come mai nessuno sa dirmi perché

non posso correre verso di te?

Nemmeno la zia, che sa tutto del nonno…

neanche la nonna che con lui fa la ninna

quando ha sonno…

Io non so più che cosa fare

e a papà vado a domandare:

“Babbo, mi dici dove il nonno è andato?

Mi manca il suo profumo di cioccolato!”

Lui dolcemente mi prende in braccio

e col dito mi indica un luminoso raggio:

“Bambino mio, la vita è così:

tante gioie ti dona ogni dì;

spesso, però, è un po’ misteriosa

e ti toglie a sorpresa una cosa preziosa.

Ma anche se il sole non puoi toccare,

ricorda, figlio mio,

che ti continuerà a riscaldare.

Così, se il nonno più non vedrai,

tu soffrire non dovrai:

 il suo amore è un segreto speciale

che solo tu potrai ricordare.

Sarà un ricordo che silenzioso

in ogni momento ti accompagnerà

e un Uomo speciale ti renderà. -“

“Grazie papà, per queste parole;

ora che ho capito questo mistero

voglio urlare al mondo intero:

dovunque sei lassù, o mio nonnino,

non dimenticare mai il tuo bambino.

Pensando a te andrò lontano,

sognando di tenerti ancora per mano.

E tutto ciò che con te ho vissuto

mi renderà forte ogni minuto.

Grazie nonno per quello che sei e sei stato,

e per quello che con te son diventato.

di Isa Voi

i

Precedente "Influenze", il 7° capitolo del racconto di Samuele Avantage Jr Goury Successivo "Loro dicono...tu scegli e sogna a occhi aperti!", l'8° puntata del racconto di Samuele Avantage Jr Goury

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.