Come è bello andare a scuola

Cari amici, oggi voglio condividere con voi una esperienza emozionante che ho vissuto insieme ai bambini di 4 anni della mia sezione venerdì scorso. Una piccola alunna è arrivata a scuola un po’ triste perché sia la mamma sia il papà lavorano in smart working e lei avrebbe voluto rimanere in loro compagnia. I suoi amici hanno subito cercato di farla sorridere e, un po’ per gioco, io ho cominciato a intonare  la strofa “La la la, la la la, come è bello andare a scuola”. Tutti i bambini, allora, hanno cominciato a GIOCARE con le parole e a ripetere quella strofa aggiungendo varie “azioni” e attività che svolgono durante la giornata scolastica. Ascoltare quella canzone improvvisata e semplice, ma ricca nel suo significato e nel suo obiettivo, mi ha mostrato la magia della forza e delle capacità dei bambini, le competenze che spesso noi adulti sottovalutiamo e la creatività che i piccoli riescono sviluppare con l’uso di semplice parole e suoni. Ma la cosa più bella è che oggi, ritornati a scuola, i bambini durante i momenti di routines hanno cantato spontaneamente la loro canzone, soddisfatti e felici, e anche la piccola bambina triste ha intonato le strofe sorridente e divertita. Bravissimi Bambini!

#bambini #gentori #scuola #fantasia #parole #psicologiadelletàevolutiva #rodari #giocareconleparole #mamme #insegnanti #rodari #happy #musica #rima #canzoniperbambini #letteraturaperlinfanzia #filastrocca #rima #maestra #docenti #didattica #scuoladellinfanzia #dad #didatticaonline #suoni

Precedente "Alla fine...", il penultimo capitolo dell'avventuroso racconto di Samuele Avantage Jr Goury Successivo "Rinascita": una storia femminile sul degrado e sulla forza di rialzarsi nel nuovo romanzo di Anna Maria Bonamore

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.