INVITO ALLA LETTURA… “LEZIONI D’AMORE” di Francesco Alberoni

lezioni-amore-new-big

Buongiorno amici, oggi vi proponiamo alcuni passi di questo interessantissimo e attuale manuale che chiarirà molti nostri dubbi sull’amore. Brevi frasi che ci faranno amare questa bellissima opera dell’esperto Francesco Alberoni del 2008. Buona lettura…

E’ vero che ci innamoriamo nei periodi in cui siamo felici?
No. Chi è in pace con se stesso e col suo ambiente, chi è soddisfatto di ciò che ha, chi è appagato da ciò che sta facendo, non mette tutto in gioco innamorandosi di una persona con cui ricominciare da capo. L’innamoramento è una rivoluzione e nessuno fa una rivoluzione se è contento di ciò che possiede. Si ribella chi possedeva qualcosa che gli è stato tolto, chi sperava ed è stato deluso, chi era prigioniero e aspirava alla libertà, chi aveva un sogno e non ha mai potuto realizzarlo. L’amore è rischio e non rischi se non vuoi cambiare la tua vita, se non vuoi più di ciò che hai.
————————————————————————————————————
Di chi ci innamoriamo dunque?
 
Della persona che, nel particolarissimo periodo in cui siamo predisposti ad innamorarci, col suo comportamento,  con i suoi sentimenti, con i suoi valori, con la vita che ha vissuto, con i suoi sogni, con il suo slancio, con il suo calore, la sua intelligenza, la sua gioia di vivere, con la sua bellezza, col piacere che ci fa provare, ci fa capire che, insieme, possiamo realizzare i nostri desideri più profondi, essenziali, anche quelli proibiti, quelli che non abbiamo nemmeno il coraggio di confessare a noi stessi. Quelli con cui possiamo colmare tutti i vuoti della nostra anima, realizzare tutte le nostre potenzialità. Allora proviamo una attrazione irresistibile, e il bisogno di fonderci spiritualmente e fisicamente con lei.
————————————————————————————————————
…La figura ideale che cercavo! Proprio quella che riunisce in sè tutte le caratteristiche, tutte le qualità di cui avevo bisogno. Solo lei è la risposta: la ricerca è finita!
 
 
———————————————————————————————————–
Come facciamo a capire se è un vero innamoramento?
 

Perché la persona amata è la prima cosa che ci viene in mente al mattino, l’ultima prima di addormentarci. Perché stando con lei abbiamo momenti di felicità indicibile. E con lei siamo sempre sereni, in pace, ma basta che ce ne allontaniamo per sentire che abbiamo perso qualcosa, e ci sentiamo incompleti. Perchè una vita senza di lei è inconcepibile, triste, vuota, arida, terrificante. Perchè, dopo aver fatto all’amore, proviamo il bisogno di restarle accanto, di abbracciarla, di baciarla come prima. Perchè, accanto a lei, tutto diventa delizioso, anche camminare insieme per strada, o prendere un caffè, o guardare le vetrine o restare seduti su una panchina ai giardini pubblici, e non ci stanchiamo di ascoltarla, di raccontarci la nostra vita, di scambiarci le esperienze fatte. Perchè, nel periodo in cui è lontana da tempo, qualunque cosa facciamo e con chiunque siamo, proviamo, nel profondo del cuore, un languore che può diventare strazio se non ci telefona, se non ci scrive. E tutto questo dura nel tempo, ed ogni giorno, ogni mese che passa, anzichè diminuire cresce; cresce finchè non comprendiamo che il nostro amato è diventato il nostro cuore e la nostra anima.

————————————————————————————————————

E la lontananza?
Si anche la lontananza può rivelare un amore…….
“Non sentendoti” dice “è avvenuto dentro di me come una esplosione, e mi ha preso un terrore folle. Mi mancava qualcosa di essenziale, di vitale, l’aria. Non potevo più respirare, e sentivo un dolore atroce, terribile, una morsa al cuore, un dolore come da infarto e la consapevolezza lucida, assoluta, che non potevo e non avrei mai più potuto vivere senza di te, senza rivederti, senza poterti toccare. E il bisogno assoluto di parlarti.”…

Precedente INVITO ALLA LETTURA: "Il fu Mattia Pascal" di Luigi Pirandello (1904) Successivo INVITO ALLA LETTURA LETTURA: 'Una vita violenta' (1959) di Pier Paolo Pasolini

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.